Cristiana Isabella Vignoli

 

Se sei CREATIVO  leggi il titolo VERDE

 

Se sei ANALITICO vai in fondo al curriculum sintetico titolo BLU

 

 

 

Chi sono

Dovendo scrivere qualcosa su di me, che non sia lo sterile curriculum europeo, voglio iniziare dai miei primi mesi di vita nella pancia di mia mamma: mia mamma era una bravissima attrice e nella sua carriera ha lavorato con i grandi nomi del teatro italiano come Paola Gassman, Ugo Pagliai, Gianrico Tedeschi, Gastone Moschin e molti altri.

Questo per dirti che ha recitato sino al nono mese di gravidanza ed io, credo di ricordare ancora l’emozione degli applausi, tanto da piangere ogni volta che il sipario si chiude ed il pubblico applaude con gioia!

Quel richiamo al teatro è stato fondamentale nella mia vita: sono nata grazie al teatro ( i miei si incontrarono sul palcoscenico) e ho dato alla vita mio figlio grazie al teatro (ho conosciuto mio marito sulle tavole del palcoscenico!).

Così, pur essendo molto combattuta fra gli studi scientifici (amo la fisica quantistica e l’astronomia) e quelli artistici, alla fine ha vinto l’ARTE e mi sono laureata studiando teatro, arte, cinema, letteratura, filosofia e tradizioni popolari.

Ma non ero ancora soddisfatta, così, volendo intraprendere la carriera registica, mi sono diplomata al corso triennale dell’Accademia d’Arte Drammatica.

Quindi ho lavorato nei teatri lirici e di prosa, ho scritto per il teatro,per la RAI,per emittenti straniere; sono stata regista ed attrice. Nel teatro ragazzi ho trovato il massimo della magia Artistica e qui ho ricevuto importantissimi riconoscimenti da parte del Ministero dell’Ambiente e dalla Commissione Parlamentare per l’Infanzia. Venni addirittura a sapere che sono stata citata in un’enciclopedia che parlava dell’arte per la gioventù, come uno dei personaggi più rappresentativi della fine del 1900.

Così decisi di portare ad un pubblico più vasto il mio lavoro e passai ai programmi TV per ragazzi. Anche in questo settore ricevetti le mie soddisfazioni: infatti vinsi il Premio Internazionale per la TV dei ragazzi al Kinder Kom festival, dove il mio lavoro ricevette gli elogi da parte dei responsabili della TV dei ragazzi di Mediaset, RAI, CNN, BBC ed altre emittenti straniere. Grazie a quel Premio venni anche chiamata in America per insegnare scrittura creativa all’Università … ma rifiutai (era la seconda occasione che rifiutavo) perché non sapevo bene l’inglese!

Questo per dirti che anche se hai delle ottime potenzialità (come potevo averle io), ma poi il tuo cervello ti fa credere di non avere altre competenze per lui fondamentali (nel mio caso  non sapere l'inglese), le occasioni della vita possono fuggire lontano da te!

Da quel mio rifiuto/paura, ho capito molto su me stessa e sul mio cervello ed ho approfondito gli studi sul perché il nostro cervello ci rema contro anziché aiutarci.

Collaboravo già da anni con una mia carissima amica psicoterapeuta, scambiandoci impressioni, studi e metodologie.

Studiavo psicologia perché ero e sono convinta che quando i docenti comprenderanno come funziona il loro cervello e quello dei bambini e dei ragazzi, la scuola diventerà una vera gioia per entrambe, e il nostro paese vivrà un nuovo Rinascimento culturale esportando ovunque la genialità italica.

In quegli anni tenevo corsi di aggiornamento per docenti in tutt’Italia, sia sul teatro che sulle arti audiovisive, e portavo avanti i miei spettacoli per le scuole.

Vedevo che l’Anima dei bambini era mille anni avanti rispetto alle credenze, ai programmi mentali che la scuola metteva, goccia dopo goccia nei loro cervelli.

I bambini della scuola materna riuscivano, finito lo spettacolo, a farci sempre delle domande etiche, morali, artistiche e metafisiche che ci mettevano in cattura.

Come era possibile tanta intelligenza a 3 e 4 anni e tanta banalità a 13/ 14 anni??? Cosa  “subiva” il cervello in quei 10 anni?

E poi ancora continuando l’analisi, vedevo che più l’età cresceva più il cervello del singolo si atrofizzava sulle sue credenze, sui suoi schemi e che tutto quello che era “estraneo” a quello schema veniva considerato “pericoloso” quindi da evitare, o deridere, o demonizzare …

Quegli furono gli anni (primissimi anni '90) in cui iniziò e prese vita la tecnica che poi è diventata il Magnetic Healing®

Di pari passo quindi, grazie anche all’aiuto della mia amica psicoterapeuta: Laura, applicavo i miei studi di neuropsicologia e neuroscienza al mio lavoro artistico.

Da allora entrarono nella mia vita psicologi e psicoterapeuti che mi chiamavano a lavorare con i loro pazienti quando con la tradizionale seduta sembrava orma che nulla si muovesse, ed il paziente non progrediva.

Io lavorando con l’Arte (non c’era ancora l’arte terapia in Italia) e conoscendo un po’ i meccanismi cerebrali portavo il mio lavoro da un emisfero all’altro, iniziai ad usare semplicissimi esercizi posturali e di respiro con vocalizzazioni … mantra e mudra che notavo essere indicati come utili al fluire energetico cerebrale sia nelle antiche tradizioni che  nelle ultime ricerche della neuroscienza.

Oggi, dopo più di 15 anni, ho scritto libri, fatto spettacoli e DVD con questo sistema del Magnetic Healing® che porta il fluire energetico e le sinapsi da un emisfero all’altro.

Ho applicato (in modo scientifico) questi semplici esercizi in diverse scuole, dalle elementari alle superiori, dalle scuole pubbliche a quelle private ed ogni volta che poi non venivano più fatti gli esercizi i ragazzini stessi si accorgevano che il loro cervello rispondeva in modo diverso, era meno centrato, meno presente, meno collaborativo e loro erano più soggetti alle tempeste emozionali e meno padroni delle proprie reazioni emotive.

Fu allora che decisi di strutturare quello che avevo capito in una tecnica vera e propria e che la chiamai MAGNETIC HEALING = Guarigione Magentica.

Con questa tecnica – facile da apprendere - i genitori ed i docenti  possono aiutare le nuove generazioni a crescere in modo più sano, più armonico. Possiamo aiutare i bambini ed i ragazzi a conoscere se stessi, come conoscono i loro computer o cellulari, e possiamo aiutarli ad usare bene la propria mente. Naturalmente per aiutare i bambini aiutiamo anche noi stessi ed impariamo il metodo!

Un grande maestro, che è per me Claudio Belotti (In Italia lavora con Ceré e in America con Tony Robbyns), mi ha insegnato che il cervello è un organo servo, che non è nato per renderci felici, ma per proteggerci.

Quindi, se vogliamo che ci renda felici dobbiamo

INSEGNARGLI come fare!

Ed allora iniziamo!!!

Il Magnetic Healing fa proprio questo

 

Chi sono in sintesi

RUOLI:

Mamma, Moglie, Life Coach MH®, Team CoachMH®, Scrittrice, Regista, conduttrice radio televisiva, attrice.

 

MISSION

Lo scopo della  mia vita è di essere una mamma accogliente e guida, una moglie felice e complice, una scrittrice coach lider d’esempio, capace di creare storie e personaggi motivazionali che portano armonia e consapevolezza per un futuro migliore.

 

LAVORI

Autrice RAI di sceneggiati radiofonici, autrice di programmi radiofonici e TV anche per emittenti estere; Programmista Regista RAI, Regista Teatrale e Televisiva, conduttrice radiofonica e televisiva.

Ricercatrice per programmi storici. Ho collaborato come Esperta di tradizioni popolari ed Esperta teatrale con Musei Teatrali e riviste.

Docente di Linguaggio Cinematografico e Televisivo

Docente di Ripresa e Montaggio Video

Docente di Storia del Teatro e di Tradizioni Popolari

Docente di Scrittura Creativa (metodo MH®)

Scrittrice di libri: per l’infanzia, motivazionali, sulle energie del femminili,  sceneggiatrice e regista di film per ragazzi e documentario sui campi elettromagnetici e la salute umana.

 Coach MH, docente Magnetic Heling® Artistico e Dinamico su Terra e in Acqua con platee medie da 20 a 700 uditori; direttore editoriale del mensile Fantastica Mente; ha collaborato con diverse testate culturali e giornali avendo anche rubriche proprie.